Carloforte

Attualmente la città di Carloforte si estende verso il mare, ai piedi degli edifici che costituirono l'originario centro abitato: il forte sabaudo, la casa del duca, la chiesa parrocchiale.
Si possono ancora ammirare tratti delle antiche mura che cingono il centro abitato, il monumentale teatro Cavallera del novecento ed i resti di archeologia industriale delle tonnare e delle officine.
Lisola degli sparvieri conserva angoli di suggestiva bellezza da apprezzare sia per via terra che di mare, con bastioni di roccia a picco sul mare ove vive e nidifica il rarissimo falco della regina o ammirare i fondali marini e le meravigliose grotte effettuando il periplo dellisola.

Territorio
Isola del Mar Mediterraneo, situata presso la costa Sud-occidentale della Sardegna, di fronte alla regione del Sulcis Iglesiente. Lisola si estende per 51,3 kmq, ha pressochà la forma di cupola, culminante nei 211 metri di un colle, dal nome assai significativo Guardia dei Mori.
La cittadina di Carloforte, fondata nel 1738, à una delle pi note e frequentate stazioni balneari della Sardegna, si estende degradando verso il mare ai piedi dei lunghi edifici che costituiscono il nucleo delloriginario centro abitato : il forte sabaudo, la Chiesa parrocchiale, la casa del Duca. Si possono ammirare ancora tratti delle antiche mura che cingono il centro abitato, il monumentale teatro Cavallera del novecento e i resti di archeologia industriale delle tonnare e delle officine. Il centro abitato à caratterizzato da costruzioni basse ai lati di stradine ripide e strette, tipico dei carruggi genovesi.

L'isola di San Pietro conserva angoli di suggestiva bellezza, le sue coste sono alte e rocciose bagnate da un mare limpidissimo, mentre l'interno à caratterizzato dalla macchia mediterranea: il pino da leppo, i lecci, il corbezzolo, il rosmarino, il mirto, la palma nana. Sono da segnalare alcune località caratteristiche come il Bacino di Nasca situato nella parte settentrionale dell'isola, lo stagno di Calavinagra, l'Oasi LIPU, la regione del Becco che un tempo ospitava un piccolo villaggio di minatori situato sui bastioni di roccia a picco sul mare. La parte orientale dellisola presenta piccole spiagge: il giunco, i girin, Punta Nera, i Guidi.. La parte sud dell'isola à costituita da scogliere e spiagge: la Bobba, i noti Faraglioni delle Colonne, il Luccaise (spiaggia caratterizzata da un misto di sabbia, grotte e rocce piane), le Chinolle immerse in una natura incontaminata di mare, di terreni fertili fra muretti a secco e macchia mediterranea.

La costa occidentale dal Golfo della Mezzaluna alla Punta delle Oche (situata nella parte settentrionale) à caratterizzata da una serie di grotte raggiungibili solo via mare e interrotta da una insenatura che racchiude la spiaggia della Caletta, la pi estesa dell'isola. In questo tratto di costa colpisce la varietà del colore delle rocce che formano le aspre scogliere dell'isola verso il tramonto: dal nero della Mezzaluna, al rosso di Capo rosso, al grigio variegato della Borrona e di cala Vinagra ove vive e nidifica il Falco della regina (rarissimo rapace che nidifica destate), al nero della Grotta di Punta delle Oche. Resta ancora tanto da vedere, ma non vorremmo togliervi il piacere della scoperta

Cenni storici

Per la singolare origine e cultura il paese di Carloforte, nell'isola di San Petro può essere definita un frammento di Liguria. Il nome dellisola deriverebbe, secondo la tradizione, dal passaggio dellapostolo Pietro, che vi avrebbe sostato per cercarvi un riparo al rientro dallAfrica e proseguire il suo viaggio verso Roma. Lisola di San Pietro fu frequentato fin dal Neolitico, in seguito dai Nuragici, prima che approdassero Fenici, Greci, Cartaginesi e Romani poich�era situata lungo una delle rotte nel mediterraneo pi frequentate tra lAfrica e la Spagna. 

Il paese Carloforte, è relativamente recente, risale al 1738. Il re di Sardegna Carlo Emanuele III diede disposizioni per il ripopolamento del regno che erano disabitate. Furono i liguri di Pegli, che nel 1541 avevano colonizzato lisola di Tabarka per la pesca del corallo, ad interessarsi dellisola di San Pietro, spinti dalla crisi economica determinata dallimpoverimento dei banchi di corallo e dalla crisi sociale causata dal sovrappopolamento dei genovesi, tanto che a Tabarka vennero vietati i matrimoni. 

La situazione a Tabarka divenne insostenibile, i rapporti con la comunità locale insopportabili, per cui le stese famiglie iniziarono a paventare lipotesi di un esodo verso una nuova patria. Il 17 aprile 1738 segna la data in cui i 469 coloni (388 tabarkini e 88 provenienti dalla Liguria) giunsero nellisola. 

Dopo due anni la città venne chiamata Carloforte ed in onore del Re fu elevata una statua nella principale piazza del paese, antistante il porto. Negli anni che seguirono i nuovi abitanti si dedicarono allattività agricola e di pesca. Ma la pace di Carloforte fu turbata da due avvenimenti che sconvolsero la sua esistenza: loccupazione francese dell8 Gennaio 1793 e lincursione dei corsari tunisini il 2 e 3 Settembre 1798. I secondo avvenimento fu il pi traumatico: i pirati seminarono distruzione e morte e ripartirono traendo in schiavitù oltre 800 persone, soprattutto giovani e donne, che restarono prigionieri per cinque anni. I superstiti poterono far rientro nella loro isola grazie allintervento diretto di Napoleone Bonaparte. 

In ricordo del triste episodio nel 1807 venne costruita la chiesa della Madonna dello Schiavo che ancora oggi si festeggia ogni 15 Novembre e per meglio tutelare la loro sicurezza i carlofortini costruirono un muro di cinta e dei fortini. 

Nel 1816 lInghilterra ed il regno sabaudo costrinsero la reggenza di Algeri, Tunisi e Tripoli a firmare nuovi accordi per far cessare le scorrerie, ripresero così i commerci e trasporti marittimi e per Carloforte, lottocento fu un secolo di grande fioritura economica, sociale e culturale. 

Si sviluppò la cantieristica navale, vennero impiantate officine meccaniche per la vicina industria mineraria iglesiente, la pesca del tonno ebbe un notevole incremento, si intensificarono i traffici mercantili con tutti i porti del mediterraneo e venne istituita la prima linea marittima di collegamento fra lisola e la Sardegna gestita da imprenditori carlofortini fin dal 1905.

 

 
 
Le nostre proposte
 
 
Case in Affitto
Appartamento
Carloforte

Bel trivano nel centro del paese di Carloforte. 

 
Case in Affitto
Appartamento
Carloforte
Appartamento in centro
 
Case in Affitto
Appartamento
Carloforte
Appartamento in centro
 
Case in Vendita
Fabbricato
Carloforte

Carloforte vera occasione, a 150 metri dalla spiaggia vendiamo proprietà formata da 2 fabbricati da ristrutturare, formanti nell'insieme la superficie di 74 mq. Oltre la veranda che ne misura circa 15. La superficie di pertinenza 2500 m.q. Circa.

 

 
Case in Vendita
Fabbricato
Carloforte

Riferimento 16 Fabbricato da ristrutturare

 
Case in Vendita
Fabbricato
Carloforte

Rudere Riferimento 29

 
© 2017 - Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Arcipelago Immobiliare e dei propri autori..
Vendita
Affitto
Contatti
Cristiano Mattana

Su questo sito utilizziamo cookie, nostri e di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Se vuoi saperne di più consulta la nostra
informativa sui cookie.

Chiudendo questo elemento o interagendo con il sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies del sito web www.arcipelagoimmobiliare.it.

Ok, chiudi.